Temple of Hera-closeup.jpg

 “Italian Diaspora Studies”  

Direttore: Margherita Ganeri 

Rubbettino editore 

Comitato scientifico:

  •  Daniele Comberiati, Université Paul-Valéry Montpellier 3, FR. 

  • William J. Connell, Seton Hall University, NJ, USA. 

  • Marina De Chiara, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”. 

  • Lina Insana, University of Pittsburgh, PA, USA.

  • Francesco Loriggio, Carleton University, Ottawa, CA. 

  • Martino Marazzi, Università degli Studi di Milano. 

  • Sebastiano Martelli, Università degli Studi di Salerno. 

  • Annamaria Pagliaro, Monash University, Melbourne, AUS

  • Loredana Polezzi, Cardiff University, UK. 

  • Stanislao G. Pugliese, Hofstra University, NY, USA. 

  • Carla Simonini, Loyola University, Chicago, ILL, USA. 

  • Anne SommerUniversität Heidelberg, DE. 

  • Pasquale Verdicchio, University of California, San Diego, USA.  

 “Italian Diaspora Studies” è una collana bilingue italiano-inglese, che raccoglie contributi di studiosi e scrittori sulle culture e letterature di origine italiana nel mondo, con l'obiettivo di affrontare le questioni principali del dibattito critico contemporaneo sui temi dell’identità e della scrittura diasporica. A partire dalle categorie di definizione, delimitazione, ibridazione e interculturalità, la collana ospita studi critici focalizzati sull’intersezione tra le griglie interpretative di genere, classe ed etnia, e sulle dinamiche di sconfinamento geo-culturale, che sovvertono le tradizionali dialettiche tra centri e periferie. I volumi privilegiano tematiche d’indagine culturale dipendenti dalle stratificazioni sociali di formazione coloniale e postcoloniale, riservando particolare attenzione ai ceti subalterni, alle culture marginali e alle questioni connesse al Sud Italia in prospettiva transnazionale. 

Il campo privilegiato della serie è la letteratura, inserita in un dialogo multidisciplinare con altri campi, quali la teoria critica, la filosofia, gli studi sui media e sulle arti visive, sulla musica e la danza, sul folklore, sull’alimentazione e su altri aspetti della cultura materiale. 

L’ampio respiro ecumenico delle comparazioni si irradia da e ricade sullo studio dell’influenza della cultura italiana, anche letteraria, tra l’Unità e il presente. 

Il primo volume uscirà a marzo 2020. 

Papasidero.jpg